Biografia

GABRIELE CAGLIARI
una biografia

1926 – Nasce il 14 giugno a Guastalla (RE) in una cascina in golena, da Giovanni (1896-1966), falegname, e Albertina Allari (1897-1967), figlia di un coltivatore diretto, entrambi guastallesi; è il secondogenito dopo il fratello Giuliano (1923-1948)

1930 – nasce la sorella Gabriella (1930-1999)

1933 – la madre Albertina e le sue sorelle, Rosina e Gemma, vendono i terreni del padre e con il ricavato costruiscono una palazzina nel nucleo storico di Guastalla, con il laboratorio di falegnameria e gli appartamenti dove vanno ad abitare con le loro famiglie

1934 – nasce la sorella Giuliana

1940 – Gabriele si iscrive al Liceo Scientifico Guglielmo Marconi di Parma, che raggiunge quotidianamente in treno

1944 – appena compiuti i diciott’anni è arruolato in cavalleria nell’esercito della Repubblica di Salò; verrà catturato dagli angloamericani in un’imboscata e condotto in un campo di prigionia inglese

1945 – in settembre torna a Guastalla dal campo di prigionia

1946 – dopo il diploma al liceo scientifico, si iscrive alla facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano, dove si trasferisce e condividerà una stanza con un amico; dal terzo anno è esentato dalle tasse scolastiche “per merito”

1948 – a 25 anni muore improvvisamente nel sonno il fratello Giuliano, sacerdote a Boretto (RE)

 

1951 – Gabriele interrompe temporaneamente gli studi per una trasferta di sei mesi a Manchester (GB), per lavorare come operaio meccanico

1952 – si laurea con lode e “abbraccio accademico” in ingegneria meccanica presso il Politecnico di Milano; viene assunto dalla Cucirini Cantoni Coats, società di produzione di filati, e lavora presso lo stabilimento di Borgomanero (NO); in dicembre sposa Bruna Di Lucca (1923-1998), diplomata al liceo artistico e segretaria di direzione presso uno studio di consulenza; la coppia va ad abitare in via Visconti D’Aragona, nel quartiere milanese di Città Studi

1953 – è assunto dalla Montecatini, che sarà in seguito incorporata in Edison a creare Montedison, dove comincia ad occuparsi di impianti chimici

1955 – è assunto da ANIC, società del gruppo ENI che gestisce impianti di raffinazione, e con la moglie Bruna si traferisce a Houston (Texas, USA)

1957 – Bruna rientra a Milano e il 17 giugno nasce il figlio Stefano; Cagliari lo vedrà per la prima volta solo a Natale

1958 – Cagliari si trasferisce con la famiglia a San Donato Milanese, nel villaggio ENI di Metanopoli, in un quartiere di impiegati e operai

1959 – è assunto da Snamprogetti, società di ingegneria del gruppo ENI, come responsabile della divisione di chimica organica

1962 – il 23 aprile nasce il figlio Silvano (1962-1996); Cagliari si trasferisce con la famiglia in via Bellincioni, nel quartiere dei dirigenti

1966 – Cagliari lascia il gruppo ENI e diventa socio di Eurotecnica, società di ingegneria e contracting con sede a Milano, con il ruolo di direttore generale; con la famiglia si trasferisce a Monza, nelle vicinanze del Parco

1974 – pur rimanendone socio, lascia Eurotecnica ed è assunto dal gruppo Liquigas, diventando responsabile dei nuovi investimenti per Liquichimica

1977 – rientra in Eurotecnica

1978 – con la famiglia si trasferisce in via Vivaio, in centro a Milano

1981 – pur rimanendone socio, a gennaio lascia Eurotecnica e rientra nel gruppo ENI come amministratore delegato di ANIC; a dicembre ANIC viene incorporata in Enichimica, di cui Cagliari diventa vicepresidente e amministratore delegato

1982 – è nominato vicepresidente non operativo di Enoxy, joint-venture tra ENI e Occidental

1983 – è nominato membro della giunta esecutiva ENI e lascia la carica in Enichimica, che nel frattempo ha incorporato Enoxy

1989 – in novembre diventa presidente dell’ENI

1990 – il 10 marzo nasce Francesco, il primo nipote, figlio di Stefano e della moglie Mariarosa Magni (1955-1993)

1992 – ENI è trasformata in SpA, Cagliari ne resta presidente; alla nuora Mariarosa viene riscontrato un tumore, sarà operata in dicembre

1993 – nella notte tra l’8 ed il 9 marzo viene arrestato per corruzione per una tangente pagata all’inizio del 1989 dalla Nuovo Pignone, società del gruppo ENI, al fine di ottenere una commessa dall’ENEL; la mattina del 9 marzo il figlio Silvano, 30 anni, è ricoverato d’urgenza a Pechino: gli verrà diagnosticato l’AIDS, ma Cagliari non lo saprà mai; seguono, per Cagliari, un secondo ordine di custodia cautelare per falso in bilancio il 26 aprile ed un terzo il 26 maggio per corruzione in merito ad una tangente che la compagnia assicurativa SAI avrebbe pagato per chiudere un contratto con ENI; il 27 maggio, per un’infezione polmonare dopo l’ultima chemioterapia, muore a 37 anni Mariarosa, moglie del figlio Stefano: Cagliari si rifiuta di partecipare ai funerali sotto la custodia degli agenti; il 9 ed il 17 giugno gli vengono revocati i primi due ordini di custodia cautelare; il 15 luglio si tiene l’ultimo interrogatorio sul caso ENI-SAI, secondo il legale di Cagliari al termine dell’interrogatorio il PM promette di mandarlo ai domiciliari, in realtà ne dà parere negativo e parte per le vacanze; il 20 luglio Gabriele Cagliari si suicida nel bagno della sua cella a San Vittore, infilandosi in testa un sacchetto di plastica e legandoselo al collo con un laccio da scarpe.

molti più dettagli in Storia di mio padre